Chiesa del Carmine

… Altra piazzetta con strutture e fondali da palcoscenico naturale (a pochi metri da piazza del Duomo), che ospita spesso spettacoli di prosa e concerti di Taormina-Arte. Prende il nome da una chiesa di epoca medioevale, semi-distrutta dai bombardamenti anglo-americani del 1943, ricostruita nel dopoguerra, ma non riaperta più al culto e destinata dal Comune a mostre di pittura ed arte varia.

Come tutte le chiese medioevali di Taormina (Varò, San Giuseppe, Sant’Antonio, San Michele, Santa Caterina, San Pancrazio, Sant’Agostino), quella del Carmine è ad una sola navata (a tre navate, a Taormina, ci sono soltanto la Cattedrale, molto simile nella struttura e nello schema planimetrico alla Cattedrale normanna di Messina, e la chiesetta di San Pietro e Paolo, nella parte alta di via Pirandello).

La facciata della chiesa del Carmine (si chiama così da quando nel 1622 fu affidata alla congregazione dei Frati Carmelitani, ma era stata costruita ed aperta al culto come chiesa di S. Maria dei Greci) ha uno stile vagamente barocco. Molto bella la cupola centrale, a forma ottagonale.